venerdì 22 gennaio 2010

Anatano tame no kono inochi - Questa vita per te

Premessa - la scorsa notte ho fatto tardi e questa mattina ho dovuto alzarmi presto. Il tutto è stato condito con una massiccia dose di avvenimenti stupefacenti. Nel vero senso della parola. In più ho ripreso a leggere libri in giapponese e ad ascoltare visual rock nipponico, e nessuna delle due cose aiuta la sanità mentale.
La visione che segue è quindi adatta ad un solo pubblico adulto e non impressionabile, con un'ingente capacità autoanalitica e un sistema di filtraggio adeguato. GRAZIE.

La scala aveva due direzioni, una parte saliva verso il soffitto, a vederne l'imboccatura sembrava quasi una tana di coniglio, ma era improbabile che lo fosse a causa del suo bizzarro posizionamento e della bava violacea che ne colava fuori. Pensai allora al rifugio di un grosso insetto, o di un pipistrello domestico.

L'altra parte della scala scendeva in un'apertura del pavimento. L'imboccatura era rivestita di un metallo simile all'acciaio, tranne che per il suo color porpora.

Mi avvicinai al pertugio, feci spallucce e incominciai la discesa; del resto cosa avevo da perdere?

I primi passi furono incerti, ma ben presto mi entusiasmai all'idea di una discesa verso l'ignoto. Le pareti del tunnel erano bianche e lucide come specchi, cosa che mi faceva ben sperare che non avrei incontrato ragni o altri insetti.

All'improvviso ci fu un rumore come di uno scoppio e la scala sparì da sotto i miei piedi. La caduta fu rapida, ma riuscii comunque a trovare il tempo per sistemarmi i capelli prima di toccare il suolo.

"Finalmente sei arrivata!" disse una voce biascicante.

Feci un profondo inchino, tenendo le mani lungo i fianchi.

"La prego" dissi con esagerato sussiego "cerchi di non scompigliarmi i capelli mentre mi sgranocchia il cranio..."

L'Oni si leccò i denti affilati sorridendo e il buio fu tutto ciò che seguì.
.
.
.
.
.
.
.
.
鬼 = Oni (clicca per saperne di più)

4 commenti:

hamelin ha detto...

Mi piace questo Oni.

Malumore ha detto...

ahahah bellissima!!
dì, com'è che sei hai preferito scendere anzichè salire? lo vedi che scendi scendi e scava scava alla fine ti ritrovi faccia a faccia coi tuoi demoni?
Mitica Eva :)

teoderica ha detto...

Anch' io ho sempre preferito scendere che salire, inabissarmi.....però con cautela invece .......pure ha il pensiero per i capelli a posto,allora non c' è veramente la paura o l' emozione...o vanità.
Sei veramente molto brava genietto.^-^

Eva Prunella Grandiflora ha detto...

@hamelin: penso che anche tu piaceresti a lui, con molta, molta salsa di soia...

@Malumore: carissimo, sono masochista dalla nascita...
ma ti dirò un segreto: se fossi salita avrei trovato un pipistrello vampiro, che invece di sbranarmi in un colpo, mi avrebbe dissanguata un po' alla volta...O_o
mehehe..

@Teodorica: qualcuno dice che è tutta questione di capelli...
^_^