venerdì 10 settembre 2010

Non pensare così forte, non riesco a concentrarmi....

Sono una persona ripugnante a volte, ma ne avevamo già parlato.

Mento come se niente fosse, ci godo a vedere certa gente provare un po' di dolore psicofisico, insomma sono più schifosamente umana della media.

Però ho una spiegazione: quando uno ha due organi pensanti, le cose si fanno complicate, quando ne ha tre si fanno pericolose.

C'è da dire che per fortuna di solito non si mettono a pensare tutti insieme, ma anche con due, il rumore a volte di fa assordante e si rischia come stavo dicendo di trasformarsi in persone indecenti.

Insomma, non è che io voglia giustificarmi...o forse un po' sì, perché ultimamente ho fatto un po' il suino e allora, mi sembra di avere deluso i miei cari lettori...

Dall'altra parte però, questo non significa che io abbia intenzione di smettere di fare il facocero...soltanto che voglio che sappiate, che non è per caso, ma per scelta. Quindi mi assumo le responsabilità delle mie azioni.

In fondo voglio bene al vecchio diavolo E., con il suo nasone, il fisico cicciotto, gli occhiali e i suoi piccoli occhietti castani.

Le voglio bene perchè è semplice e quieta anche se a volte viene spazzata via dalla tempesta che ha dentro.

Mi piace com'è maniaca, fenomeno da baraccone, individuo pericoloso.

Mi piace come parla, la sua voce calda le sue frasi topiche.
MI piace quando cerca di essere qualcun altro, quando è tetra e non fa altro che parlare di morte, quando le viene la ridarola (per lo più le rare volte che fuma pesante)
Mi piace quando è ubriaca e ha la sbornia sentimentale o diventa triste.
Mi piace quando ha voglia e si farebbe qualsiasi cosa le passi a tiro...Mi piace quando pensa di essere innamorata per davvero, per l'ennesima volta.

E. è la mia compagna da più di 30 anni, dorme con me, mangia con me e fa l'amore con me.

Non è sempre facile essere lei nelle notti in cui resto attaccata al computer tentando di finire il mio dannato manoscritto, a volte finiscono a culo, a volte in un porno e altre volte in alcool...ma non è così terribile o frequente come sembra. Sopravviviamo.

A volte mi dico che dovrei incominciare a prendere la vita sul serio, ma sento che farlo mi farebbe sentire tutto il peso del mondo su di me e non sono così forte dopo tutto. Quindi preferisco cazzeggiare...

Perché scrivo? Perché mi piace.
Perché condivido? perché mi sembra di urlare improperi contro l'infinito e mi regala qualche momento di felicità.

Questo è il riscaldamento, mi sto testando, sto scavando la fossa per vedere se esco dall'altra parte.
Non siete obbligati a leggere. Ma vi sono grata poiché lo fate.

Avete il permesso di giudicare, dissentire, insultare e criticare, sarò felice di sentire tutte queste cose, ma se starete in silenzio non mi lagnerò.

Vi dirò quello che penso e uscirò dalla tana per davvero questa volta…Ma ciò che è scritto resta tale (con le modifiche del caso...eventualmente)
Sono un menestrello rinchiuso in una stanza senza finestre, soffocato nel proprio respiro, allucinato dalle proprie visioni. E' lì che i sogni diventano ideali, perché anche i clown hanno ideali e il loro valore non è da meno.

Beh, ho finito qui. Grazie per aver ascoltato.

PS: quali sono i tre organi lo lascio indovinare a voi....*_*

2 commenti:

loislane1975 ha detto...

Il cuore
La fiffy
Il cervello
in questo ordine...riuscissi a cambiare la posizione del cervello con quella del cuore sarei a cavallo...senza nemmeno bisogno di un principe!!!! Ciao!

Vecchio Diavolo ha detto...

benvenuta nel club tesoro...
e io non avrei potuto esprimere meglio la frustrazione derivante dalla superclassifica...
xxx